Sarà per l’avvicinarsi della fine delle lezioni, ma forse anche per il fatto che la maggior parte degli studenti universitari non sono residenti nel nostro Comune che la notizia della chiusura di una delle tre mense senesi non trova grande risalto nei notiziari locali.

L’unica mensa attiva nel centro di Siena è quella di Sant’Agata, dove tra l’altro una caduta di intonaco nei giorni scorsi ne ha ridotto la funzionalità. Code quindi ancora più allungate per gli studenti che non si possono permettere i ristoranti locali.

La Federazione del PRC di Siena esprime il proprio sostegno alla lotta degli studenti che hanno occupato la mensa di via Bandini, proprio per contrastare il silenzio delle autorità che proseguendo sulla logica ormai imperante dell’attenzione ai soli aspetti economici della gestione del diritto allo studio trascurando quella che dovrebbe essere la preoccupazione principale, ovvero il sostegno all’attività degli studenti.

Gli studenti oggi, senza alcuna distinzione di ordine e grado, si vedono sempre più annullare il concetto stesso di diritto studio, mentre come cittadini si vedono tagliare sanità e trasporti. Rivendichiamo perciò la necessità di un piano nazionale di rifinanziamento del diritto allo studio, che non solo restituisca tutti i tagli indiscriminati di questo decennio , ma apra una nuova fase politica che metta al centro le condizioni materiali degli studenti e di tutti i soggetti in formazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui